Rimozione dei sigilli

INFORMAZIONI

L’apposizione di sigilli è una procedura d’urgenza che serve a salvaguardare il patrimonio del defunto nell’interesse degli aventi diritto quando i beni ereditari restino incustoditi o quando siano nel possesso di persone estranee alla successione o solo di alcuni coeredi. La successiva rimozione dei sigilli può essere chiesta al Giudice dai chiamati all’eredità, dai creditori del defunto, dall’esecutore testamentario. Chiunque vi abbia interesse può fare opposizione alla rimozione dei sigilli

NORME DI RIFERIMENTO

Art. 762 e ss. c.p.c.

CHI PUO’ RICHIEDERLO

Può essere richiesta dai chiamati all’eredità, dai creditori del defunto, dall’esecutore testamentario.

DOVE SI RICHIEDE

Cancelleria Volontaria Giurisdizione.

  e mail:  volontaria.tribunale.belluno@giustizia.it

COME

Con ricorso al Tribunale competente, cioè quello dell’ultimo domicilio del defunto. L’assistenza del difensore è facoltativa

DOCUMENTI OCCORRENTI

COSTI

€ 98,00 contributo unificato;

€ 27,00 diritti forfettizzati per notifica

MODULISTICA

Ricorso per rimozione dei sigilli sui beni ereditari